E' possibile ordinare via telefono: 0444 1565390

Accesso

Un alto contenuto di acqua migliora il comfort delle lenti?

Quando l'uomo è atterrato sulla lune una delle prime domande che il mondo scientifico si è posto è stata: c'è l'acqua? L'acqua è sinonimo di vita, ed è un elemento essenziale per la nostra sopravvivenza e benessere.

Per quanto riguarda le lenti a contatto è altrettanto importante: potreste mai immaginare di indossare un qualcosa di secco? Onestamente – solo l'idea – sa un po' di film horror.

L'acqua idrata le lenti e le rende morbide e confortevoli.

Ma veniamo alla nostra domanda: se l'acqua è così importante, vorrà dire che più alto è il contenuto di acqua nelle nostre lenti, più saranno comode?

Scopriamolo insieme

Se il contenuto di acqua è molto alto?

La permeabilità all'ossigeno dipende dal contenuto di acqua. Più acqua contiene la lente, più sarà difficile per l'ossigeno raggiungere la cornea: se la cornea non è ossigenata può insorgere la vascolarizzazione che è un processo irreversibile.

E se invece è basso?

Sicuramente meno acqua c'è meno le lenti sono comode. Specialmente a fine giornata la sensazione di bruciore e secchezza è una delle conseguenze più immediatamente riscontrabili.

L'acqua contenuta nella lente diminuisce con il passare delle ore!

Quindi come è meglio comportarsi?

Possiamo catalogare le lenti in tre gruppi, partendo dal loro contenuto di acqua, e trovare una risposta alle nostre domande.

  • Basso contenuto di acqua (fino a 45%) – sono le lenti in silicone hydrogel per uso permanente. Hanno un indice di permeabilità all'ossigeno elevatissimo.
  • Medio (fino al 60%) – lenti a contatto in hydrogel più comuni, usate dalla maggior parte degli utenti .
  • Alto (fino al 90%) – lenti a contatto in hydrogel per gli occhi più sensibili. Consigliate a chi soffre della sindrome dell'occhio secco.

Abbiamo soddisfatto la vostra curiosità? Ancora dubbi? Scriveteci pure, saremo felici di rispondere alle vostre domande!

Ti piace questo articolo? Condividi con i tuoi amici.

Commenti

  • laura

    nella scelta delle lenti a contatto, è meglio attribuire maggiore importanza al contenuto di acqua o al valore Dk/t?

    Rispondi
    • Sandro Curatolo Lentiamo.it

      Gentile Cliente, questa è una buona domanda, ma per rispondere occorrerebbe conoscere meglio la tua situazione, poichè il tuo occhio potrebbe aver più necessità di una cosa piuttosto che un'altra. Il tuo specialista che ha fatto la prescrizione conoscerà senza dubbio il tuo caso e dovrebbe averti suggerito delle lenti specifiche. In caso tu non abbia una prescrizione specifica ti consiglierei di rivolgerti a lui e chiedere di effettuarla (meglio se poi sarà seguita da una prova prima dell'acquisto). Resto a tua disposizione! Buona giornata.

      Rispondi
  • Anonimo

    Salve,io soffro della sindrome dell occhio secco..Le lenti a contatto con il 90% di acqua indicate X correggere qst difetto quali sono ?

    Rispondi
    • Ilaria Pacini Lentiamo.it

      Gentilissimo sul nostro sito, le lenti più ricche di acqua spno le Biotrue 1 Day con il 78% di acqua. A presto, Ilaria

      Rispondi

I campi segnati * sono obbligatori

Leggi anche…

Le 10 gocce per occhi TOP (che puoi usare anche con le lenti a contatto)!

Quali gocce per occhi e lacrime artificiali sono state le più popolari nel 2017? Le vostre sono fra queste?

Vedi tutto il testo

Lenti a contatto formato convenienza - 5 combo di lenti e soluzioni per ottenere ancora più risparmio!

Lenti a contatto e soluzioni ad un prezzo speciale? Scopri come risparmiare sul loro acquisto…

Vedi tutto il testo

Occhiali da sole Primavera/Estate 2018 - La nostra guida ai trend

Ray-Ban, Emporio Armani, Oakley, Gucci… quali occhiali da sole sono stati i più popolari nel 2017?

Vedi tutto il testo

Ray-Ban: e se non fossero originali?

Sapete riconoscere un falso da un originale? Ecco come fare per aggirare il crimine!

Vedi tutto il testo