Ho già un account cliente Lentiamo

Il primo step per trovare i tuoi nuovi occhiali: l'esame della vista

Ultimamente avete la sensazione che qualcosa non vada nei vostri occhi? La vista è sfocata o avete frequeinti mal di testa? Se avete risposto sì ad almeno una di queste domande, potrebbe essere arrivato il momento di fare un nuovo esame della vista!

Dopo un accurato esame della vista presso un oculista o un ottico, potrete sapere velocemente se avrete bisogno di un nuovo paio di occhiali. Inoltre, sottoporsi ad un esame della vista a scadenza periodica può aiutare a diagnosticare tempestivamente eventuali patologie oculari. Continuate a leggere per scoprire come funziona il test della vista e come ordinare la vostra nuova montatura online in pochi semplici clic

Perché l'esame della vista è così importante?

L'importanza di un test della vista effettuato a cadenza annuale va ben oltre il solo assicurarsi che la vista sia tenuta sotto controllo ed eventualmente corretta opportunamente. Lo specialista (oftalmologo) potrà infatti assicurarsi che il paziente non mostri i segni di una qualche seria patologia oculare, come ad esempio glaucomi, cataratte o tumori all'occhio, conducendo un esame approfondito.

Tornando al tema della vista, ricordiamo che un semplice test presso uno specialista può liberarvi da persistenti mal di testa e finanche dai pericoli alla guida, grazie alla giusta prescrizione per occhiali.

Eye Exam
Eye Exam test

Con quale frequenza ci si dovrebbe sottoporre ad un check-up della vista?

Questo dipende parzialmente dall'età, ma anche da condizioni oculari pregresse e dalla presenza in famiglia di disturbi visivi. Se avete meno di 40 anni e nessun problema legato agli occhi, lo specialista vi raccomanderà di ripetere il test ogni 2 anni.

Dai 40 in poi, il test dovrebbe essere ripetuto ogni 1–2 anni.

Se avete sofferto di problemi oculari in passato o siete a rischio (ad esempio se qualcuno in famiglia ha o ha sofferto di simili problematiche), l'esame dovrebbe essere ripetuto almeno una volta l'anno.

Come funziona l'esame della vista?

Questo esame, come si può immaginare, comprende una serie di test per misurare la vista. L'oculista o l'ottico utilizzeranno una serie di strumenti di misurazione, manderanno fasci di luce direttamente sugli occhi e vi chiederanno di guardare attraverso una serie di lenti. Ciascuno dei test performati durante la visita oculistica serviranno a determinare diversi aspetti riguardanti la vista e la salute dell'occhio.

Prima dell'esame della vista

Prima di iniziare i test, lo specialista vi farà una serie di domande. Se si tratta del primo esame, vi porranno delle domande preliminari per capire la vostra storia clinica. Le vostre risposte contribuiranno a formare eventuali diagnosi e a determinare eventuali patologie future.

  • Queste domande vi prepareranno al prossimo esame della vista

  • Ha avuto qualche problema di salute negli ultimi anni?
  • Soffre di qualche patologia oculare?
  • Qualche suo familiare ha mai sofferto di problematiche legate agli occhi come degenerazione maculare, glaucoma o distacco della retina?
  • Ha mai sofferto di problematiche legate agli occhi in passato?
  • Si è mai sottoposto ad interventi chirurgici agli occhi?
  • Soffre di allergie a qualche farmaco, alimento o altre sostanze?
  • Prende abitualmente qualche farmaco?


Durante l'esame della vista

Successivamente, lo specialista inizierà l'esame. Nel caso in cui vi siate rivolti ad un oftalmologo, la procedura solitamente include questi step:

  • Lo specialista misurerà l'acuità visiva per determinare se il paziente necessita di occhiali o lenti a contatto per correggere la vista.
  • Vi saranno somministrate delle gocce oculari ad effetto anestetico, dopodiché verrà misurata la pressione oculare. Per rendere più agevole l'esame dei vari segmenti, lo specialista potrebbe inoltre somministrare delle gocce per dilatare gli occhi.
  • Quando le gocce avranno fatto effetto, lo specialista determinerà la salute degli occhi. In questa fase saranno probabilmente utilizzate diverse luci per poter visionare accuratamente la condizione della parte frontale e della parte interna di ciascun occhio.

Dopo l'esame della vista

Al termine della visita discuterete i risultati dei diversi test con lo specialista, compresi risultati riguardanti la vista, i rischi di sviluppare patologie oculari e le eventuali misure preventive da intraprendere per proteggere gli occhi. Con la prescrizione rilasciata dopo la visita in tasca, è il momento di dedicarsi alla ricerca della montatura perfetta, che potrete trovare facilmente su Lentiamo.

Quali test sono previsti in un esame della vista approfondito?

Durante l'esame della vista vengono svolti diversi test, a seconda delle necessità e condizioni del paziente. I test sono progettati per misurare la vista, esaminare l'aspetto e la funzione di ogni parte dell'occhio. Ecco alcuni dei principali test:

Test dell'acuità visiva


Il test più comune è quello dell'acuità visiva (anche detto test dell'acutezza visiva o visus). Serve a determinare quanto è nitida la visione del paziente. Durante il test verrà richiesto al paziente di identificare le lettere dell'alfabeto stampate su una tabella (detta tabella di Snellen) o mostrate su uno schermo. La grandezza dei caratteri diminuisce man mano che si va verso il fondo della tabella. Ciascun occhio viene esaminato separatamente. Leggete il nostro blog per saperne di più sull'esame della vista.

Esame della refrazione


L'esame della refrazione (anche impropriamente detto „misurazione della vista“) è il test adoperato dallo specialista per determinare la capacità visiva del paziente e, quindi, l'esatta prescrizione per occhiali. Durante questa misurazione della vista, lo specialista vi chiederà di posizionarvi di fronte ad uno strumento chiamato forottero e vi mostrerà una serie di lenti attraverso cui dovrete guardare. Dopodiché vi chiederà di indicare con quali lenti la visione si mostra più chiara e nitida. L'esame della refrazione è utile per determinare i livelli di ipermetropia, miopia, astigmatismo e presbiopia.

Test per daltonismo


Durante un esame approfondito, specialmente se in presenza di familiarità con questa problematica, verrà eseguito anche un test per determinare se il paziente è affetto da daltonismo. Questo test, oltre a determinare eventuali forme di daltonismo, può essere utile per lo specialista per individuare altri potenziali disturbi che interessano la percezione dei colori.

Test con occhio coperto


Questo test determina il modo in cui i due occhi lavorano insieme. Lo specialista vi chiederà di guardare un oggetto posto a distanza e di coprire e scoprire ciascun occhio per osservarne il movimento. Lo specialista osserverà inoltre se uno degli occhi devia dall'oggetto osservato per verificare l'eventuale presenza di strabismo. Il test viene poi ripetuto su un oggetto posto a breve distanza.

Per saperne di più

Tanti consigli per acquistare gli occhiali da sole e da vista perfetti.